03 Dicembre 2021

Ristrutturare il bagno: come fare, dagli impianti all’arredo

Tutti i passaggi da seguire per una ristrutturazione del bagno a regola d’arte

Ristrutturare il bagno di casa è uno dei lavori più frequenti: si fa quando si acquista un immobile, per renderlo più simile ai nostri gusti ed esigenze, oppure per aggiornare l’arredo, i sanitari, le finiture o la doccia/vasca quando già abitiamo in una casa da anni.
Di solito i bagni delle nostre case non sono stanze enormi, ma comunque la ristrutturazione richiede alcune attenzioni che possono fare la differenza tra un lavoro ben eseguito e uno che invece ha delle pecche.
Abbiamo deciso di mettere nero su bianco quali sono i passaggi corretti per ristrutturare il bagno “da capo a piedi”, cambiando volto alla stanza in cui passiamo ogni giorno in media oltre 40 minuti del nostro tempo. Tra poco li vedremo insieme, e alla fine ti proporremo anche la nostra soluzione per un bagno “chiavi in mano”, ma prima elenchiamo quali sono le figure e i professionisti da coinvolgere per la ristrutturazione.

Ristrutturare il bagno: i professionisti da coinvolgere

Per rifare completamente un bagno hai bisogno di un piccolo cantiere che impiega diverse figure tra professionisti e artigiani.
Per presentare le pratiche necessarie e per disegnare il layout del nuovo bagno occorrerà rivolgersi a un architetto o a un geometra: oltre a redigere tutta la documentazione necessaria per Comune e ASL, i professionisti interpellati disegneranno la disposizione del nuovo bagno sulla base dei tuoi desideri e necessità.
Meglio spostare i sanitari per poter costruire una doccia walk-in?
Mantenere quel vecchio termosifone (magari dipingendolo) oppure inserire un moderno termoarredo? E di che potenza dovrai installarlo per avere sempre il bagno caldo in inverno?
Sono tutte domande a cui un professionista preparato sarà in grado di rispondere senza problemi, potendo accompagnarti man mano nei passi necessari. Inoltre, potrà darti un consiglio anche nella scelta delle finiture (pavimenti, rivestimenti, etc) migliori all’interno dei confini del tuo budget.
Una volta creato il progetto e avuti i permessi dovrai rivolgerti a un fornitore per tutti i materiali necessari, e poi avvalerti di un’impresa edile che metta insieme muratori, piastrellisti, posatori, idraulici, elettricisti in grado di completare tutte le operazioni necessarie a regalarti una stanza nuova.
Sono molte le figure da coinvolgere, e coordinarle tutte è un discreto impegno: in primo luogo perché le rispettive lavorazioni si intrecciano (e il tuo cantiere non è mai l’unico per tutti questi professionisti), e poi perché avere un cantiere in casa mentre ci si vive con polvere, rumore, etc è sempre difficile. Occorre assicurarsi di avere tempi certi e possibilmente brevi: stare senza bagno, anche se magari se ne hai un altro in casa, è sempre un disagio.
Ma adesso vediamo quali sono i passaggi da compiere per una ristrutturazione a regola d’arte.

1 – Il sopralluogo

Il sopralluogo è fondamentale: spesso, e non solo nell’edilizia, si tende a sottovalutare la fase dell’analisi, che invece è decisiva.
E’ in questo momento iniziale che occhi esperti possono individuare potenziali problemi e prevenirli, riuscendo ad assicurare costi più contenuti rispetto ad eventuali “sorprese” che capitano in corso d’opera.
Ecco che coinvolgere il professionista (architetto, geometra, etc) fin da subito, magari già in compagnia dell’impresario edile, ti mette al riparo da potenziali sorprese: con un sopralluogo approfondito sul bagno esistente saranno in grado di calcolare pendenze, distanze tra le colonne di carico e scarico dell’acqua, struttura dei muri, profondità del massetto, e tanti altri parametri da considerare sia in fase di stesura del progetto sia in fase di realizzazione effettiva.

2 – La scelta dei materiali

Una volta deciso “cosa” fare, devi scegliere il “come” farlo, ovvero con quali soluzioni di ceramiche, pavimenti, rivestimenti, arredo.
Per scegliere questo dovrai andare in un negozio di arredo bagno o in uno showroom per scegliere i sanitari che più ti piacciono, i pavimenti (metteremo le piastrelle o il legno?), i rivestimenti della vasca o della doccia, i termoarredi. Potrai andarci in autonomia o di farti assistere dai professionisti di fiducia che hai interpellato per i lavori.

3 – La demolizione e lo smaltimento del materiale

A questo punto il cantiere vero e proprio può cominciare: l’impresa a cui hai affidato i lavori può dare il via alle demolizioni del bagno esistente, rimuovendo pavimenti, sanitari e arredi.
E’ la fase più rumorosa e “polverosa” dei lavori: occorre velocità da parte di chi lavora e pazienza da parte tua, specialmente se vivi nella stessa casa in cui i lavori hanno luogo.
L’impresa in questa fase si occupa anche dello smaltimento delle ceramiche e delle macerie, conferendole nei luoghi deputati ad accoglierle. Si tratta di un compito e di un costo spesso trascurati, ma assolutamente necessari.

4 – La tracciatura degli impianti idraulico ed elettrico

Una volta fatte le demolizioni, è ora di creare dal niente il nuovo bagno.
Idraulico ed elettricista si affiancheranno o alterneranno in cantiere per tracciare le nuove tubazioni sostituendo le vecchie, e per predisporre anche le canaline in cui scorrerà l’impianto elettrico della nuova stanza.
I muri saranno tagliati per accogliere le nuove tracce, e il layout pensato e messo su carta comincerà ad essere visibile nella sua parte “infrastrutturale”.

5 – Il ripristino dei muri

Dopo la creazione degli impianti idraulico ed elettrico per il nuovo bagno, tornano in scena i muratori: è il momento in cui si rimettono a posto i muri che sono stati intaccati dalle tracce appena create e, nel caso di un bagno di nuova costruzione, il momento in cui si getta il sottofondo della stanza a coprire gli impianti a pavimento.
I muri vengono preparati ad uno stato “semi-finito”, pronto ad accogliere eventuali rivestimenti o pitture.

6 – La posa in opera di pavimenti e rivestimenti

Una volta che le basi del nuovo bagno sono state gettate, è ora di dare un vestito alla stanza spoglia.
I piastrellisti possono procedere a questo punto alla posa dei pavimenti (se scegli il legno ricorda che il sottofondo deve avere umidità 0, altrimenti possono subentrare dei problemi) e dei rivestimenti se scegli di piastrellare anche in verticale.
Le scelte fatte in negozio ora si concretizzano e la stanza che prima si vedeva solo in un render adesso acquisisce il suo volto quasi definitivo.

7 – La decorazione

Siamo quasi al traguardo.
Dopo aver messo i pavimenti e i rivestimenti è il momento dei decoratori: il soffitto e le pareti da trattare con pittura vengono dipinte con i colori che hai scelto.

8 – Il montaggio di sanitari e arredi

L’ultimo tassello e il bagno può dirsi finalmente completo: si montano i sanitari e gli arredi, si sistemano i punti luce scelti, si completa la pulizia finale del cantiere.
Il tuo bagno dei sogni è pronto.

La soluzione del bagno chiavi in mano

Come hai capito, la ristrutturazione anche di una stanza tendenzialmente piccola come il bagno non è una passeggiata: serve attenzione ai dettagli, occorre saper coordinare tutte le professionalità coinvolte, fare spesso delle scelte, anche inaspettate.
Hai idea di quante tipologie di placchette per lo sciacquone del WC esistono oggi in commercio? Una risposta tranquillizzante: molte, e occorre saper scegliere anche questi dettagli.
Insomma, ti servono tempo ed energie da investire.
Per questi motivi da un po’ di anni sono nate offerte di ristrutturazione bagno “chiavi in mano”, che comprendono cioè tutto il pacchetto di quel che occorre fare dalla frase “vorrei ristrutturare il mio bagno ma non so da dove cominciare” alla frase “ecco il suo nuovo bagno“.
In questa tipologia di offerte si viene seguiti dall’inizio alla fine dei lavori, dall’analisi alla consegna del lavoro ultimato, cercando di creare un percorso il più semplice possibile per i committenti.
Anche noi di Edilia, che nell’edilizia ci siamo da quasi 100 anni, abbiamo un’offerta “bagno chiavi in mano” che amiamo proporre ai nostri clienti.
Eccola spiegata, in poche parole.
trasformazione bagno chiavi in mano edilia

La ristrutturazione bagno chiavi in mano di Edilia

Sappiamo che avere “i muratori in casa”, tra polvere, rumore, necessità di presenza e molti altri aspetti è qualcosa che scoraggia a volte il semplice pensiero di rifare il bagno.
Crediamo però che la stanza più intima di casa meriti una comoda opportunità di rinnovamento, e per questo abbiamo studiato un’offerta chiavi in mano che limita al massimo tutti i disagi per i nostri clienti.
Ci mettiamo al tuo fianco e ti aiutiamo a seguire l’iter di cantiere dall’inizio alla fine.
In che modo?
  1. Ci occupiamo noi di tutto: hai letto gli 8 passaggi per creare un bagno perfetto prima di questo paragrafo? Ecco, pensiamo a tutto noi di Edilia: siamo sempre al tuo fianco dall’inizio alla fine, ti guidiamo per mano all’interno del nostro showroom per scegliere i materiali, le finiture e il layout definitivo del tuo bagno. Il preventivo è ovviamente gratuito.
  2. Pensiamo noi ad ordinare quel che serve e ai lavori da fare: hai sempre e solo Edilia come unico interlocutore a cui fare riferimento. Hai un ripensamento sulla finitura scelta? Parli con la stessa persona che ti aiutato a sceglierla e insieme trovate un’alternativa. Hai un’esigenza particolare circa il cantiere? Puoi sempre contattare noi.
  3. Coinvolgiamo imprese e artigiani che abbiamo selezionato negli anni per la loro affidabilità, puntualità, precisione e cura del lavoro. E’ nostra responsabilità renderti conto del lavoro che fanno.
  4. Ti assicuriamo tempi di cantiere definiti: mediamente in 10/15 giorni riusciamo a rifare completamente il tuo bagno, limitando al massimo il disagio.
  5. Offriamo una possibilità di finanziamento a tasso zero presso i nostri showroom, sull’importo totale dei lavori (mano d’opera e materiali). Con noi è tutto molto semplice e i prezzi sono trasparenti: non facciamo sconti in fattura, le detrazioni a cui puoi accedere sono quelle previste per legge.

Contattaci per il tuo preventivo gratuito

Se stai pensando di rifare il tuo bagno, se vuoi sapere quale sarebbe il costo di una soluzione chiavi in mano lavorando con Edilia, contattaci a partire da questa pagina: avrai diritto a un appuntamento per una consulenza gratuita in showroom in cui capiremo insieme cosa potrebbe fare al caso tuo.